Share:

Giovane Fotografia Italiana #08 – RECONSTRUCTION

Città: 
Reggio Emilia
Scadenza: 
10/01/2020
CALL FOR ARTISTS 2020

Artisti e artiste under 35 hanno tempo fino al 10 gennaio 2020 alle ore 12 per candidarsi a partecipare a Giovane Fotografia Italiana, un progetto dedicato alla scoperta e valorizzazione dei migliori talenti emergenti della fotografia contemporanea in Italia, a cura di Daniele De Luigi.

La Call for Artists è rivolta a cittadine e cittadini italiani, oppure straniere/i attualmente residenti in Italia, che utilizzano la fotografia come medium.

Una giuria internazionale selezionerà sette progetti che saranno esposti in una mostra collettiva, a cura di Ilaria Campioli e Daniele De Luigi, nelle sale espositive dei Chiostri di San Domenico di Reggio Emilia nel programma di Fotografia Europea 2020 (17 aprile – 24 maggio 2020).

I progetti artistici saranno valutati da una commissione internazionale composta dai curatori della mostra, insieme a Carine Dolek (Circulation(s) Festival de la jeune photographie europeénne, Paris), Shoair Mavlian (Photoworks – Brighton Photo Biennial) e Chiara Fabro (Festival Panoràmic, Granollers-Barcelona).

Ad ogni finalista spetterà un riconoscimento di 1.500 euro per sostenere le spese di realizzazione del progetto. Inoltre, durante le giornate inaugurali di Fotografia Europea (17-19 aprile 2020), l’autore del progetto valutato migliore vincerà la terza edizione del Premio Giovane Fotografia Italiana, del valore di 4.000 euro, assegnato da una commissione internazionale presieduta dal direttore artistico di Fotografia Europea.

La candidatura è gratuita.

 

RECONSTRUCTION è il focus su cui si concentra Giovane Fotografia Italiana #08.

Non si vede solo con gli occhi. La fantasia è la facoltà che consente agli uomini di far apparire immagini nella propria mente ed è strettamente correlata alla memoria: si fonda dunque sulla realtà, e la sua capacità di generare visioni esiste a partire dall'esperienza. Le realtà esplorabili si sono però moltiplicate e, di conseguenza, anche i linguaggi e le modalità di racconto hanno assunto una maggiore varietà di forme.

Nel linguaggio comune le fantasie si contrappongono al vero, talvolta sono perfino considerate un inganno e condannate come fuga dalla realtà e dalle responsabilità che essa ci chiede di assumerci. Eppure senza immaginazione non è possibile un’autentica comprensione del reale perché ci permette di completare il mosaico che lo compone, scomponendo e ricomponendo le informazioni e il sapere.

La fotografia, nata per riprodurre fedelmente la realtà osservabile, può invece prendere parte ai processi conoscitivi non solo rappresentando il visibile, ma anche, a partire da esso, ricostruendo il reale nelle sue multiple dimensioni attraverso l’immaginazione: ricostruire ciò che è nascosto, o irraggiungibile, e non può essere dato allo sguardo; ricostruire la complessità dai frammenti; ricostruire il passato. Ma anche contribuire alla ricostruzione di un’idea di futuro per il mondo.

Giovane Fotografia Italiana #08 invita gli artisti a presentare progetti che incarnino questo approccio militante nella relazione tra fotografia e immaginazione.

 

Giovane Fotografia Italiana #08 è promossa da:

Comune di Reggio Emilia e GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani in collaborazione con FetArt – Circulation(s); Photoworks – Brighton Photo Biennial; Festival Panoràmic, Granollers-Barcelona; Palazzo Magnani – Fotografia Europea.

Con il contributo di Regione Emilia – Romagna e Reire srl.

L’iniziativa si inserisce nel programma di Reggio Emilia per “Emilia 2020”.

 

INFO

www.comune.re.it/cultura

gfi [at] comune [dot] re [dot] it