Altre piattaforme

Poichè la lista delle piattaforme di crowdfunding è in costante mutamento, in questa pagina vengono raccolte le segnalazioni ricevute dalla nostra redazione. Per le diverse modalità di funzionamento e le tipologie di finanziamento si rimanda ai rispettivi siti internet.
Le piattaforme possono essere: reward based (raccolta fondi che, in cambio di donazioni in denaro, prevede una ricompensa, come il prodotto per il quale si sta effettuando il finanziamento, o un riconoscimento, come il ringraziamento pubblico sul sito della nuova impresa), donation based (modello utilizzato soprattutto dalle organizzazioni no profit per finanziare iniziative senza scopo di lucro), lending based (microprestiti a persone o imprese), equity based (modello regolamentato dalla Consob: in cambio del finanziamento versato è prevista la partecipazione del finanziatore al capitale sociale dell’impresa, diventandone così socio a tutti gli effetti), ibride (basate su più modalità di finanziamento).

Torna alla sezione Crowdfunding

Crowdarts

Crowdarts è la prima piattaforma e comunità internazionale di crowdfunding dedicata alle Performing Arts. Crowdarts permette, attraverso il sostegno della comunità, la diffusione e la realizzazione di idee innovative in questo settore. L'obiettivo è di creare uno spazio condiviso e  innovativo al servizio di artisti, coreografi, direttori artistici, creativi e cittadini  in cui poter confrontare professionalità, trovare supporto e competenze,  scoprire nuovi linguaggi artistici e condividere  progetti con il territorio.

Crowdarts offre alla sua community i seguenti benefici: • Creare nuove fonti di sostenibilità economica per il mercato delle Performing Arts. • Testare idee e progetti creativi. • Inventare nuovi spazi di interazione tra sostenitori, autori e co-produttori dei progetti. • Creare una comunità di supporto alle Arti Performative. • Costruita una rete internazionale di professionisti. • Permettere lo scambio di “buone pratiche” tra i creatori delle campagne e gli altri attori della rete. • Creare una comunità che si interessa e investe in luoghi e artisti a livello locale. • Sviluppare nuove strategie di “audience development”. • Incoraggiare il pubblico nel conoscere il ciclo di vita di un progetto artistico e avvicinarlo a confrontarsi con nuovi linguaggi e tematiche in questo settore.
2016