Michela De Domenico

Michela De Domenico

  • ARTI VISIVE

Nato a: Messina

Vive a: Messina - Messina

Età: 49

Biografia

Titoli di studio e corsi

Nel 1996 consegue la Laurea in Architettura presso l’Università
degli studi di Reggio Calabria

Nel 1987 consegue il diploma d’arte applicata presso
l’istituto statale d’arte di Messina E.

Biografia completa
Basile nella
sezione moda e costume

Specializzazione in cultural managment presso la Fondazione
Fitzcarraldo di Torino e l’ICCM di Salisburgo



Attività

Architetto, fumettista

Socia fondatrice di Sciara s.r.l., ha collaborato alla
stesura del progetto esecutivo del parco letterario
Horcynus Orca - Stefano d’Arrigo

E’ stata componente della commissione cultura dell’Ordine
degli Architetti della Provincia di Messina



Mostre

1997

- Interzona suoni e visioni oltre la frontiera,
Torre di Brolo (ME)

1998

- Personale (in occasione del concerto dei Minox e Lydia
Lunch) - Taxidriver, Catania

2000

- Spazi aperti (a cura del G.A.I) - Galleria
d’arte moderna, Montevergini

Dal 1991 ad oggi partecipa a numerose collettive nell’ambito
delle arti visive e del fumetto, tra cui Sogni di
carta al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, Nuvole
di Sicilia presso la Fiera Campionaria di Messina,
I chiostri contemporanei, organizzata dal
circuito G.A.I. di Messina, L’arte in pentola,
Lido comunale Genovese Zerbi di Reggio Calabria,
Arti visive 2 presso il Palazzo ducale
di Genova, Castelli di carta al
Forte San Jachiddu di Messina, Clipstrips
presso la sala Boldini di Ferrara, Prato 99,
Sovversivi mostra itinerante di fumetti contro la
censura, La fabbrica delle farfalle in
occasione di Expocartoon alla Fiera di Roma, Montalbano
a fumetti a Palermo e Roma, Fumetta le
autrici del moderno fumetto italiano presso l’oratorio
di S. Maria Assunta Spinea (VE)

Ha realizzato l’allestimento di diverse mostre a Messina
tra cui nel 1991, Il fumetto giovane a Messina
al Teatro Vittorio Emanuele, una mostra sul laboratorio
di fumetti del centro sociale "Don Puglisi",
il progetto di allestimento dello stand GuardareLaLuna
presso la mostra-mercato "Libri, fumetti &
CO", progettazione e allestimento della mostra
Il treno dell’avventura presso la Fiera
di Messina, l’ideazione e allestimento assieme
alla Visione della conchiglia della mostra Arghh!
sul laboratorio di fumetti del centro sociale "Don
Puglisi" di villaggio C.E.P Messina e Centocentri
kermesse delle attività creative dei centri
sociali di Messina, ha fatto parte della commissione
provinciale giudicatrice della Biennale giovani
artisti dell’Europa e del Mediterraneo di
Sarajevo



Pubblicazioni

Dal 1989 al 1991 disegna le copertine per alcune
fanzines di fumetti, lavora come vignettista per
L’eco del Sud mensile messinese, nel 1997 partecipa
alla ideazione, progettazione e realizzazione della
rivista multimediale GuardareLaLuna, dal 1999
cura assieme a Marco Lo Curzio la rubrica Ufficio Fumetti,
all’interno dell’opuscolo di informazione Ufficio
Spettacoli.

Pubblica diversi fumetti tra cui nel 1997 Interzona
suoni e visioni oltre la frontiera scritto da Manuel
Scordo e prodotto dalla Provincia di Messina, tra il
1998 e il 1999 "Hansel & Gretel" su soggetto
di A. Biella, "Sfere" su soggetto proprio
e "Pezzi" su soggetto di M. Lo Curzio, per
la rivista milanese di fumetti Fagorgo,
con G. Davì e M. Lo Curzio (La visione della
conchiglia) pubblica il fumetto "Sala d’attesa"
per la rivista di fumetti Schizzo immagini n.7,
prodotta dal centro fumetto A. Pazienza di Cremona,
il fumetto "Buio" su Mondo Naif della
Kappa edizioni di Bologna, su sceneggiatura di Vanna
Vinci, nel 2000 disegna il fumetto "Sangue e rose"
su sceneggiatura di Marco Feo pubblicato su Ninos
Ferrato un vampiro vegetariano De Falco editore,
su sceneggiatura di Tina Pennisi "8 marzo"
per Kerosene n.5, su sceneggiatura di Roberto
Irace Quando qualcosa si rompe, albo
monografico di Schizzo presenta, curato
dal Centro fumetto A. Pazienza, infine realizza per
la Cooperativa Proficua di Milano il fumetto Amici,
un opuscolo multilingue finalizzato al progetto
di inserimento per extracomunitari "Regolarmente".


Ha al suo attivo diverse pubblicazioni su catalogo,
Arti visive2 Genova, Clipstrips
Ferrara, Spazi aperti Siracusa, Scartalarte
Catania, Fumetta Spinea (VE)



Cinema e televisione

Realizza storyboard e fumetti per il video Kindsein
selezionato al Torino Film Giovani 1994, per il film
di Aditya Bhattacharya Senso unico con Stefania
Rocca e Lothair Bluteau, girato tra Messina e Londra,
per il cortometraggio I 36 colpi girato
a Milano su regia di Fabio Scamoni, con Sergio Rubini
e selezionato al Torino Film Festival 1997, realizza
i disegni e le animazioni della sigla della trasmissione
televisiva Sl@ng prodotta dall’assessorato
alla politiche giovanili di Messina, i disegni del
video Castelli di carta sull’omonima mostra
di fumetti e illustrazioni, lo storyboard dello spot
Dal buio alla luce, prodotto dal CEDAV per
la campagna informativa contro la tratta delle africane
a scopo di sfruttamento sessuale