Riccardo Giacconi

TORNATO
cinema
video
Nyon - Switzerland
25/04/2017 - 28/04/2017

Share:

Il Progetto

Il film Gondwana sarà presentato in due proiezioni in occasione del festival di cinema “Visions du Réel”, che si terrà a Nyon, in Svizzera, dal 21 al 29 Aprile 2017. Il festival “Visions du Réel” è uno dei più importanti festival per il cinema sperimentale in Europa. Il film sarà presentato in concorso per il premio “Sesterce d’Or” per il miglior cortometraggio, e per il Premio della Giuria per il cortometraggio più innovativo.

ENTE OSPITANTE

Visions du Réel (Visions of Reality) è un festival di documentari di portata internazionale che si tiene ad aprile a Nyon. Fondato nel 1969 come Festival Internazionale del Documentario di Nyon, l'evento ha adottato il suo nome attuale nel 1995 ed è, a oggi, il più grande festival di documentari svizzero.

L'intervista

di Jasmine Mottola

Come ti sei avvicinato al mondo del cinema?

Lavoro con le immagini in movimento da molto tempo. Sono entrato in contatto conil contesto del cinema dopo aver studiato arti visive. Il mio lavoro ha iniziato a essere presentato in contesti legati all’arte contemporanea, ma negli ultimi anni ho avuto la fortuna di partecipare anche ad alcuni festival del cinema.

Come è nata l’idea di sviluppare il film Gondwana?

Il film è stato sviluppato durante una residenza presso gli studi della “Fondazione Bevilacqua La Masa” di Venezia. Gondwana racconta l'incontro con la comunità Tuareg di Pordenone, l'unica in Italia. I Tuareg (a volte chiamati uomini blu) sono un popolo nomade che non appartiene a nessuno stato, il cui territorio originario è il deserto del Sahara. Vicino a Pordenone si trovano le aree delle grave e dei magredi, paesaggi aridi costruiti dai depositi ghiaiosi dei fiumi Tagliamento, Meduna e Cellina. Ed è lì, oltre che al Museo di Storia Naturale di Venezia, che si snodano le vicende narrate nel film.

Come si svolgerà il concorso?

Sono stato invitato a presentare Gondwana in anteprima mondiale al festival delcinema “Visions du Réel” che si terrà a Nyon, in Svizzera, dal 21 al 29 Aprile 2017. È uno dei festival più importanti del cinema sperimentale in Europa. Negli ultimi anni, il concorso ha presentato film di registi come Gianfranco Rosi (che sarà uninvitato speciale per l’edizione 2017); Gianluca e Massimiliano De Serio; YervantGianikian e Angela Ricci Lucchi; Pippo Delbono; Irene Dionisio, solo per citarne alcuni tra gli italiani. Ma anche artisti internazionali come Apichatpong Weerasethakul. Il mio film sarà presentato in concorso per il premio “Sesterce d’Or” per il miglior cortometraggio, e per il Premio della Giuria per il cortometraggio più innovativo.

Il Resoconto

di Jasmine Mottola

Riccardo Giacconi Come si è svolta la presentazione del film?

Il mio film è stato presentato in due proiezioni. La prima ha avuto luogo il 26 Aprile 2017 alle 14, presso il cinema Usine à Gas, situato a Nyon. La seconda invece, si è svolta presso il cinema Capitol Fellini, alle ore 14 del 27 Aprile 2017. Il film è stato introdotto da Emilie Bujès, uno dei curatori del festival. Nella sala erano presenti molte spettatori che alla fine della proiezione hanno partecipato a una sessione di Q&A in cui mi sono state poste delle domande dal pubblico sull’ideazione e la produzione del film. Nella mattinata del giorno successivo, il 27 Aprile, ho partecipato a un Forum organizzato dal festival con i registi che avevano presentato dei film durante il giorno prima. Al Forum hanno partecipato circa 30 registi da tutto il mondo, oltre al direttore del festival Luciano Barisone e tutti i curatori, tra cui Giona Nazzaro, Paolo Moretti, Emilie Bujès. Nel Forum si è svolta una discussione collettiva molto interessante su temi ricorrenti nei film dei vari registi che è finita con un pranzo offerto dall’organizzazione.

Quali sono stati i traguardi raggiunti?

La partecipazione al festival Visions du Réel è stata un’esperienza importante che mi ha permesso di conoscere molti professionisti nel campo del cinema sperimentale, fra cui i curatori del festival e il direttore, Luciano Barisone, oltre che gli altri registi che hanno presentato i loro film.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Attualmente sto portando a termine un film su Milano 2, il quartiere costruito da Berlusconi negli anni Settanta. Inoltre sto preparando una mostra personale presso il FRAC Champagne-Ardenne di Reims, in Francia, che aprirà a ottobre.