Share:

Andrej Konchalowskij e Nicolas Philibert al Museo del Cinema

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino, in collaborazione con l’Infinity Festival di Alba, ospita due retrospettive dedicate al cineasta russo Andrej Konchalowskij e al regista francese Nicolas Philibert. Konchalowskij è una delle figure più significative che hanno attraversato il cinema dagli anni Settanta ad oggi. Nel corso della sua lunga carriera, iniziata a fianco di Andrej Tarkovskij, ha incarnato l’ideale dell’artista che cerca la propria dimensione umana e spirituale nell’elaborazione di una personale visione della vita. Un autore in grado come pochi altri di raccontarci il rigore della libertà e la leggerezza delle regole che fondano il nostro vivere comune. Un cineasta che è stato testimone di tre mondi, di tre diversi tipi di produzione, da quella dell’Urss comunista (il grande affresco storico Siberiade premiato a Cannes nel 1979) a quella liberistica di Hollywood (dirigendo star come Natasha Kinski, Rupert Everett, Liam Neeson, Kurt Russell e Sylvester Stallone) a quella “comunitaria” dell’Europa di oggi, dal delizioso Asja e la gallina dalle uova d’oro a La casa dei folli, premiato alla 59.ma mostra Venezia. Nicolas Philibert è una dei registi del momento, grazie all’enorme successo ottenuto da Etre et avoir, il film documentario campione d’incassi in Francia e accolto con emozione anche in Italia. Un autentico esploratore del presente, che, da Le pays des sourds a La moindre des choses, si è sempre dimostrato un autore capace di fare della realtà il teatro di un tragitto di conoscenza. Il 9 aprile è previsto un incontro con Philibert, l’11 con Konchalowskij.

Muso Nazionale del Cinema.
Mole Antonelliana - Torino.
Dal 9/04/03 al 21/04/03.