Share:

Danila Tripaldi a Milano

Nel trovarsi di fronte alle opere di Danila Tripaldi lo spettatore non può che restare affascinato e visivamente catturato da un mondo pittorico complesso e fiabesco, talmente ricco di dettagli che ad ogni analisi sembra spuntar fuori una nuova scritta, un nuovo oggetto o addirittura un personaggio sino a quel momento passato inosservato. Eppure in questo tripudio di colori, di animali inesistenti, di oggetti che prendono vita, di fate, di palazzi-persone e di montagne-palazzi ognuno di essi ha un preciso ruolo, una ragion d’essere ed una giusta chiave di lettura. Nulla è casuale. Una pittura colta, carica di simbolismo, ricca di riferimenti autobiografici, sensibile alle problematiche di una società in pieno disfacimento morale e che sa ritrovare nelle fate (Lettera alle fate) come in un non-pulcino (Jack sale in cielo) tutta la bellezza e la complessità della vita. A cura di Adelinda Allegretti.
Galleria Bianca Maria Rizzi.
Via Molino delle Armi, 3 - Milano.
Dal 18/11/03 al 10/12/03.