Share:

Milan Kunc a Bologna

Milan Kunc, nato a Praga nel 1944, operante oggi tra Colonia e New York, raggiunge la notorietà internazionale negli anni Ottanta come massimo rappresentante della cosiddetta “Ost Pop”, declinazione della Pop Art nell’Est europeo. Ma sin dagli anni Settanta l’esperienza del gruppo “Normal” creato con Peter Angermann e Jan Knap lo aveva caratterizzato come un artista inquieto e in sintonia con la vorticosa evoluzione dei tempi. Lasciata Praga dopo la “Primavera”, l’artista viaggia e sperimenta le più diverse realtà internazionali. Soggiorna anche in Italia. Le sue coloratissime “icone”, provocatorie e provocanti, sono al contempo sferzanti rappresentazioni e denunce sia del totalitarismo sovietico sia del consumismo occidentale. Innumerevoli le mostre dedicategli da istituzioni pubbliche e private. Nelle sue opere, realizzate nelle tecniche più diverse (dipinti, tecniche miste su carta, sculture in ceramica e vetro), con esiti formali sempre alti uniti ad una rara ricchezza inventiva, Kunc offre uno specchio dei nostri tempi, colti per immagini folgoranti e ricercate, anche laddove gli aspetti erotici o graffianti si fanno più forti, suggerendoci ironia ed intelligenza come chiavi per leggere l’attualità delle sue contraddizioni.

Galleria L’Ariete Arte Contemporanea.
Via Marsili, 7 - 40124 Bologna.
Dal 15/11/03 al 15/12/03.