Share:

“Compass” a Roma

Dopo un periodo nella seconda metà degli anni novanta in cui era accettata solo se c’era un aggettivo ad accompagnarla (cattiva, ironica, etc.) la pittura è orami tornata a piano titolo tra le forme artistiche correnti in Gran Bretagna. Questo non significa che gli artisti che la praticano, in modi assai diversi, guardino necessariamente indietro o che ignorino altri modi di produzione delle immagini. I quattro artisti presenti in questa mostra romana si definiscono pittori, eppure i loro dipinti sono legati tanto alla pittura presente e passata quanto ad altre modalità e tecniche: la scultura filtrata attraverso la fotografia (Angela Gill), il video (Sigrid Holmwood), la pagina stampata (Simon Morley) e l’architettura filtrata attraverso la foto digitale e l’incisione (Geoff Uglow). Il titolo della mostra, “Compass” (bussola), indica che questi artisti non rientrano in un filone, in una tendenza, in una generazione (due sono venticinquenni, gli altri due più maturi), ma esemplificano pratiche e approcci diversi entro il territorio comune dell’arte britannica. I quattro artisti sono attualmente residenti all’Accademia Britannica di Roma. Il curatore è l’artista Jacopo Benci, attuale vicedirettore per le Arti Visive.

Sala 1.
Piazza di Porta San Giovanni, 10 - Roma.
Dal 29/01/04 al 26/02/04.