Share:

ReFuture: pratiche di trasformazione materiale e culturale

Location : 
Padova


Proprio in questo periodo di crisi economica si può cogliere una ristrutturazione dei valori di riferimento e del senso della produzione e del consumo di beni. La crescente sensibilità verso i problemi ecologici determinati dalla diffusione di stili di vita non sostenibili economicamente ed ambientalmente, interroga tutti noi non solo ad immaginare, ma soprattutto a mettere in atto strategie personali e sociali per ottimizzare i nostri consumi e dare senso e coerenza alle nostre
azioni quotidiane nel presente, per costruire un futuro alla portata di tutti.

ReFuture nasce con l'obiettivo di affermare la necessità di valorizzare le qualità del presente per costruire ora un percorso rivolto al futuro che vogliamo, mantenendo come focus l'applicazione del pensiero creativo e delle tecniche artigianali alla produzione di beni utili, in particolare per l'arredo, attraverso il riuso. Il percorso consiste in una serie di workshop, un'expo e la realizzazione di un video documentario.


SCRAPout #2 - Upcycling Expo

SCRAPout #2, si caratterizza come un laboratorio culturale, una mostra che si sviluppa, muta e prende forma durante la sua apertura, come un atelier creativo e vitale in cui è l'operare dell'artista ad essere esposto e fruibile, in cui lo spettatore si muove, osserva e si confronta con l'artista anche attraverso lo scambio favorito da momenti informali.
L'expo si svolgerà anche per questa edizione per tre settimane presso l'ex Macello, cornice ideale per questo tipo di iniziativa, e sarà caratterizzata dalla sua internazionalizzazione in termini di makers presenti. Le opere scelte, saranno selezionate tramite un bando che inviterà 6/8 giovani artisti-designer sia italiani che provenienti da alcune realtà europee ad esporre e presenziare al vernissage dell'expo. Un altro aspetto innovativo rispetto all'edizione passata sarà la presenza di 3 artisti-designer che attraverso un work in progress realizzeranno uno spazio arredato, divenendo così parte integrante del laboratorio culturale in mostra.

Ogni settimana di apertura, vedrà infatti i riflettori puntati su uno di questi artisti; l'area ad essi dedicata, diverrà un'atelier aperto al pubblico in cui poter accedere per osservare e confrontarsi con chi ci lavora, accompagnando e osservando l'evoluzione del processo creativo fino alla sua cristallizzazione in opera finita.

ReGeneration: workshop per la creazione e allestimento di ecoarredi

Tra le attività promosse in ReFuture, La Mente Comune, insieme all'Ufficio Informambiente del Comune di Padova ha ideato un percorso di avvicinamento e di diffusione di tecniche artigianali che sarà rivolto agli studenti degli istituti tecnico-professionali ed artistici proponendo laboratori all'interno delle classi con la finalità di allestire un'area eco bar dell'expo in cui esporre quanto realizzato. Il presupposto da cui partiamo, infatti, tiene conto di come sia possibile generare una trasformazione radicata e sostenibile soltanto rendendo i giovani protagonisti attivi e consapevoli nel presente, per la costruzione del futuro che vivranno.
Questa scelta ha da un lato l'obiettivo di dare l'opportunità ai giovani che si stanno specializzando nella progettazione, creazione e costruzione di beni di sperimentare nel loro programma formativo l'approccio al riuso e di motivarli a questa opzione dando loro modo di esporre insieme ai designer che hanno fatto del riuso un mestiere; dall'altro vuole lanciare un segnale alla cittadinanza, palesando e incoraggiando l'attitudine delle nuove generazioni alla sostenibilità.

L'expo di questa edizione si propone inoltre di creare a Padova una possibilità d'incontro tra le persone alternativa al panorama della città, un luogo che coniuga il relax e il momento di svago, con una proposta culturale rilevante, all'interno di un parco quale l'ex Macello, pregno di rilevanza storica. A tal fine sarà presente un eco bar, luogo di ristoro ma anche setting di interazione e scambi, curato dal punto di vista estetico ed etico, e l'arredamento sarà realizzato grazie ai workhop promossi nelle scuole, a partire da prodotti di scarto.

RePlay: un video-documentario sull'Upcycling in Italia

Il progetto ReFuture è “luogo” d'incontro, tra persone che guardano al futuro e vuole lasciare documenti che continuino ad essere utili e disponibili anche a progetto finito: per questo motivo una equipe di video makers, realizzerà un video documentario sul lavoro degli artisti-artigiani presenti all'expo, attraverso un viaggio per tutta Italia nelle loro botteghe e nei loro laboratori.

Obiettivi generali:

1) Contribuire a costruire nel presente un percorso rivolto ad un futuro socialmente ed ecologicamente sostenibile, a partire dall'ambito locale di Padova come centro di innovazione.
2) Stimolare nelle persone un pensiero critico che tenga conto dell'impatto che possono avere i propri comportamenti nella cura dell'ambiente ecologico e sociale e dimostrando allo stesso tempo, come l'arte applicata alla sostenibilità sia riproducibile nel presente e possa essere diffusa nella quotidianità futura.
3) Promuovere il benessere personale e collettivo favorendo l'autonomia nell'autoproduzione di beni di consumo attraverso attività artistico-creative
4) Dare visibilità e unitarietà all'esistente movimento di artisti e designer del riuso, presenti nel territorio nazionale ed internazionale, favorendo lo scambio e il confronto di buone prassi

Obiettivi specifici:

1. Avvicinare e sensibilizzare alle tematiche dell'ecosostenibilità e di approccio al riuso l'ambiente educativo scolastico
2. Offrire l'occasione di sperimentare e apprendere un metodo di costruzione e realizzazione di oggetti ed eco-arredi “sostenibile”
3. Divulgare informazioni sul risparmio, recupero e riuso, e sulle forme di arti applicate eco sostenibili
4. Creare e mettere a disposizione in modo permanente materiale informativo e formativo e documenti di facile fruizione relativi al riuso e alle pratiche quotidiane di sostenibilità
5. Allestire uno “spazio”: fisico, sociale e virtuale, che sia piattaforma di scambi e collaborazioni tra gli addetti ai lavori (artisti, artigiani, eco designer) e con chi si avvicina inizialmente a queste forme di arte applicata alla sostenibilità e alla quotidianità.
6. Documentare e diffondere il lavoro degli artigiani che applicano pratiche di trasformazione di rifiuti alla produzione di oggetti di design.

Workshop