Share:

ICS FUTURE VILLAGE: NASCE A GIFFONI IL PRIMO ACCELERATORE DI ‘CERAMIC DESIGN’ DEL SUD ITALIA

Location : 
Giffoni Valle Piana (SA)
Un open space innovativo dedicato ad artisti, designer e creativi di tutto il mondo. In programma residenze d’artista, mostre, workshop, seminari di formazione professionale, laboratori di stampa 3D. Aperte le selezioni per la prima “call for artist” a luglio 2015.

www.ics.futurevillage.it

Giffoni Valle Piana, 23 Marzo 2015 – La ceramica diventa 2.0: nasce Ics-Future Village, il primo open-space al Sud Italia dedicato ad uno dei più antichi linguaggi espressivi promosso da Giffoni Innovation Hub, l’acceleratore di progetti e startup del Giffoni Experience (giffonihub.com). Per lanciare l’arte classica per eccellenza oltre la tradizione puntando al futuro attraverso residenze d’artista, interazioni tra talenti da tutto il mondo, ricerca sulle tecnologie più avanzate, mostre, laboratori formativi e workshop all’insegna del design di ultima generazione.

Da fabbrica a laboratorio permanente, da semplice bottega a incubatrice di idee: a Giffoni Valle Piana, l’Ics da storico opificio del cotto salernitano si trasforma in Ics-Future Village. Un dinamico luogo di incontro e confronto fra progettisti, designer, architetti e artisti carichi di esperienze, culture e ispirazioni diverse. Primo step, le residenze d’artista: esperti del design faranno scouting di giovani creativi attraverso una serie di “call for artist” a cadenza trimestrale. Con l’obiettivo di dare vita ad una community internazionale che recuperi da una prospettiva contemporanea la ceramica. In un territorio - quello campano e salernitano, nello specifico - in cui l’arte modellata dalle mani dell’uomo è, storicamente, fertile mezzo di espressione. Per candidarsi alla prima residenza d’artista, in programma a luglio 2015, basta andare sul sito www.ics.futurevillage.it, (contatti/compila modulo) ed iscriversi entro il 30 aprile. E ancora, tra le iniziative del Village: attività formative dedicate all’antica arte del torniante e del decoratore attraverso corsi tenuti da abili maestri che prevedono una fase iniziale di sperimentazione e un ciclo di approfondimento di dieci incontri in cui poter apprendere le tecniche di lavorazione e il bagaglio completo di competenze professionali.

“Oggi – commenta Dario Palumbo, direttore e responsabile del progetto Ics-Future Village – niente come la ceramica ci sembra capace di farsi veicolo di messaggi cruciali, come la condivisione del lavoro, la commistione di culture lontane, il recupero della manualità, la necessità di declinare al contemporaneo e su livelli internazionali un’arte che merita di essere reinterpretata oltre gli orizzonti classici. Incoraggeremo attraverso le numerose iniziative organizzate in sinergia con Giffoni Innovation Hub lo sviluppo di forme e metodi di approccio inediti alla ceramica, puntando decisamente sulle tecniche più avanzate, come l’utilizzo di stampanti 3D per la prototipazione rapida di nuovi oggetti di design”.

“La ceramica – spiega Vittorio De Pasquale, responsabile di Ics – è, secondo la mia ormai trentennale esperienza, il veicolo che meglio permette di comprendere tutta la sensibilità che si nasconde dietro il gesto semplice e immediato di un uomo che usa le proprie mani per fare, per dare forma alle proprie fantasie. È un concetto importante da tramandare che ho afferrato solo dopo tanto tempo trascorso a contatto con questa nobile arte. Di qui la volontà di creare un laboratorio dinamico e ospitare ciclicamente nella foresteria annessa alla nostra fabbrica, in una sorta di residenza, artisti provenienti da tutto il mondo affinché, attraverso il loro contributo alla produzione locale, questa possa sempre più internazionalizzarsi e scommettere sul futuro”.


Contatti stampa

348/7271608 – 089/8023242