Share:

DIMORE RESIDENZA D’ARTISTA ONLINE

Location : 
Padova
DUE MESI DI WORKSHOP, SCAMBIO, RIFLESSIONE E DISCUSSIONE PER SEI GIOVANI ARTISTI GUIDATI DA TUTOR PROFESSIONISTI IN UN PERCORSO CHE APRIRÀ LE SUE PORTE AL PUBBLICO

UN PROGETTO SPERIMENTALE PER RICONFIGURARE, IN TEMPI INCERTI, LE PRATICHE ARTISTICHE E LE PROFESSIONI CULTURALI

DIMORE è il progetto sperimentale di residenza d’artista ideato e promosso dall’area Creatività dell’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, a cura di Stefania Schiavon, Caterina Benvegnù, Elena Squizzato, con la collaborazione di Elisa Pregnolato, attivato con sei giovani artisti Daniele Costa, Nicolò Masiero Sgrinzatto, Alessio Mazzaro, Eleonora Reffo, Gianna Rubini, Annalisa Zegna.

 

IL PROGETTO

Il progetto nasce dall’ascolto delle riflessioni che si sono manifestate con urgenza durante il periodo di quarantena in seguito all’emergenza sanitaria da Covid-19. DIMORE supporta il dibattito in corso e procede tentando di mettere in discussione e riorganizzare pratiche, modalità, fruizioni relative al mondo dell’arte.

«L’emergenza Covid-19 ha richiesto un'azione prioritaria in termini sanitari, sociali ed economici; ma l'Amministrazione di Padova è a fianco di lavoratrici e lavoratori delle arti e della cultura che si sono mobilitati per ragionare sul presente e sul futuro di professioni già vulnerabili e in questo periodo duramente messe alla prova», ha commentato il Sindaco, Sergio Giordani. «Il progetto sperimentale e pilota DIMORE - residenza d'artista online è, dunque, insieme ad altre iniziative, una delle risposte che il servizio pubblico ha deciso di attivare per sostenere la formazione e la ricerca di giovani artisti under 35; per contribuire, in questo modo, a ridisegnare un nuovo paesaggio culturale a partire dalla nostra città e dai giovani».

Grazie alla sinergia tra Enti, è stato possibile riorientare un progetto precedentemente supportato dalla Regione Veneto nell’ambito del Piano di Interventi in materia di Politiche Giovanili DGR n.1675 del 12/11/2018.

DIMORE sostiene gli artisti e le artiste nella ricerca e nella formazione, grazie a uno spazio di confronto ampio e dai tempi lenti e dilatati, dove sia legittimo scegliere di non fare, di non produrre, di non affannarsi per il compimento di un’opera o di un lavoro finito.

La scelta di dar vita, proprio in questo momento, a un progetto di residenza che, per definizione, prevede la coabitazione di un gruppo di artisti in uno spazio condiviso e comune, è nata dalla volontà di destrutturare il concetto di residenza stessa, ricreando una dimensione di scambio, riflessione, discussione in un’epoca che nessuno è ancora in grado di definire né di percepire in toto, ma che necessita di essere indagata e re-immaginata, anche nel qui e ora. 

Se, in prima istanza, “dimora” è casa, rifugio, permanenza in un luogo, etimologicamente è intesa anche come indugio, attesa, ritardo. “Mettere a dimora” rimanda al campo semantico della botanica, al collocare una pianta nel terreno, farla radicare, nutrirla, crescerla. È un termine sfumato e cangiante, non assertivo, che conduce, da un lato, al radicarsi e che, dall’altro, autorizza alla provvisorietà, al tentennamento, al tempo perso e riconfigurato: appare, allora, la migliore ipotesi per tentare di descrivere – e realizzare – un progetto di residenza d’artista in uno scenario straniante come quello dell’isolamento e del distanziamento fisico.

I partecipanti prendono parte a workshop online di gruppo, creati ad hoc da professionisti del mondo dell’arte e della cultura, per sviluppare diversi temi in grado di proporre interrogativi sul presente. Alcuni incontri inoltre, sono liberamente accessibili online.

Il pubblico può seguire il processo in corso grazie a un sito web dedicato che funge da contenitore, da diario di bordo, da casa. Nel sito di DIMORE vengono presentati i materiali e i contenuti multidisciplinari raccolti, analizzati e prodotti dagli artisti e dalle artiste, dalle curatrici e dai tutor nel corso della residenza online.

 

IL SITO - DIMORERESIDENZADARTISTA.IT

Il sito di DIMORE – www.dimoreresidenzadartista.it – raccoglie i materiali e i contenuti multidisciplinari prodotti dagli artisti, dalle curatrici e dai tutor nel corso della residenza online.

Ogni quindici giorni, una parola chiave apre i lavori che coinvolgono di volta in volta un tutor diverso assieme agli artisti in residenza. Le parole chiave danno il nome ai capitoli che articolano temporalmente la residenza online e scandiscono “virtualmente” sia il passare del tempo, sia l’avvicendarsi delle riflessioni e delle visioni prodotte dagli artisti e pubblicate nel diario di DIMORE.

Il diario intende portare alla luce un processo di lavoro piuttosto che un risultato finale: gli artisti non producono, infatti, opere finite, bensì condividono i contributi in itinere, elaborati in funzione di un loro pensiero sulle parole chiave e sul contemporaneo. L’homepage cambia ogni quindici giorni per mettere in evidenzia i contributi del capitolo appena concluso.

Il sito ospita, inoltre, una sezione dedicata ai materiali di ricerca con cui il team curatoriale e i tutor accompagnano gli artisti in residenza: video, immagini, testi, parole, frammenti letterari, culturali, sociologici e filosofici hanno il compito di costellare di suggestioni il processo in corso.

La decisione di rendere pubblici questi materiali nasce dalla volontà di attivare nuove pratiche di coinvolgimento e avvicinamento ai temi del contemporaneo, oltre che di rendere aperta la narrazione di un percorso che generalmente viene realizzato a porte chiuse.

GLI ARTISTI

Le artiste e gli artisti invitati sono stati selezionati dal team curatoriale sulla base di una serie di collaborazioni precedenti già realizzate con l’area Creatività dell’ufficio.

Ciascun artista, tramite la propria ricerca, indaga la complessità del contemporaneo attivandosi come attore politico, contribuendo al dibattito sulle trasformazioni relative al contesto sociale e culturale nel quale si muove, estendendo il raggio d’azione al tempo e allo spazio universali. Attraverso i propri lavori, genera riflessioni sul senso dello stare, dell’agire, dell’abitare il mondo. Il progetto di residenza è uno strumento ulteriore per proseguire con le riflessioni emerse nei percorsi di ricerca personali, dando loro nuova linfa vitale in virtù del periodo attuale e attraverso la collaborazione dei tutor ospiti.

Gli artisti partecipanti: DANIELE COSTA, NICOLÒ MASIERO SGRINZATTO, ALESSIO MAZZARO, ELEONORA REFFO, GIANNA RUBINI, ANNALISA ZEGNA. Un approfondimento sugli artisti è disponibile in allegato.

I TUTOR

I tutor invitati sono professionisti del mondo dell’arte e della cultura e hanno il compito di accompagnare il gruppo di artisti nel processo di ricerca e discussione che si svolge durante la residenza.

Ogni tutor lavora con gli artisti per un capitolo della durata di due settimane, periodo in cui affronta un tema specifico, vicino al proprio percorso di ricerca e agli interrogativi sul tempo che stiamo vivendo.

I tutor sono:
• ELENA MAZZI, artista, che tratterà il tema dell’IDENTITÀ
• PIETRO GAGLIANÒ, critico e curatore, che tratterà il tema della RELAZIONE
• BABILONIA TEATRI (Enrico Castellani, Valeria Raimondi), compagnia di teatro sperimentale, che tratterà il tema dell’IMMAGINARIO
• EMANUELE COCCIA, filosofo, che tratterà il tema della METAMORFOSI

Un approfondimento è disponibile in allegato.