Enrico Cornuda

Altro
Arte Pubblica
Arti Visive
Danza
Grafica E Illustrazione
Teatro
Urban & Street Art
Enrico
Cornuda
Città
Preganziol
Nazione di nascita
Italia
Provincia
Treviso
Età
34
Profilo

Mi sono avvicinato all'arte visiva e al teatro fin da giovane età, mio padre è scenografo e ho passato gran parte dell'infanzia "giocando" nei suoi laboratori.

Ho conseguito la laurea in "Arti Visive e dello Spettacolo" presso lo I.U.A.V. di Venezia nel 2010.

Mi sono trasferito a Londra nel 2011 dove con altri artisti ho fondato una cooperativa multidisciplinare e multiculturale chiamata “The Minesweeper Collective”

Dopo il recupero e ristrutturazione di un vecchia imbarcazione militare in disuso ( Dragamine H.M.S.Ledsham ), il vascello é stato trasformato un centro artistico/sociale che si occupava, tra le varie, di esposizioni, performance, stampa serigrafica e residenze per artisti locali e internazionali.

Durante gli anni di università mi interessò particolarmente lo studio di rappresentazioni visive e performative di altre culture. L'esperienza londinese mi ha permesso di ampliare i miei orizzonti artistici in un senso multiculturale più attuale. Nel 2015 lasciai il Regno Unito, con un biglietto di sola andata per l'India, iniziando un mio percorso personale. Incomincia a sviluppare la mia pratica artistica tenendo conto di ciò.

Le molteplici somiglianze che le diverse culture avevano in comune indipendentemente dal loro posto nella storia o dal background, ho portato il mio linguaggio artistico da meramente estetico a un'indagine sul concetto di “Archetipi”.

Ora mi occupo principalmente di muralismo, con sviluppi che vanno da performance "live-painting" a workshop spontanei, improvvisati con i locali o con altri artisti.  Trovando molto più intressante proporre arte al di fuori dei grandi centri, per me è fondamentale poter connettere ad un livello umano con le realtà che incontro lungo il cammino e poter quindi instaurare un rapporto di mutuo scambio.

Con il mio lavoro creo connessioni e associazioni tra diversi aspetti della realtà.

Accostando elementi fisici e psicologici attraverso vari punti di vista racconto una storia che parte dalla mia esperienza personale, tuttavia, interpretare gli input è solo l'inizio del processo.

L'intricata complessità delle immagini costringe il pubblico a una potenziale reazione infinita, alla ricerca e alla domanda "Qual è il significato di questo?". Il punto è che non c'è solo una risposta. Secondo me l'Arte, come la vita, sono concetti troppo complessi che non possono avere una risposta univoca quando si indagano i loro significati o intenti.

Ci saranno sempre più punti di vista, quindi risposte diverse. La mia è solo una di queste e non puó essere considerata assoluta.

Viaggiare e connettermi con realtà e culture diverse mi ha aperto a nuove possibilità e mi ha permesso di avvicinarmi all'universalità dei punti di vista.