Luigi De Cicco

Musica Elettronica
Pop/rock/black/world Music
Scrittura
Teatro
Luigi
De Cicco
Città
Silvi
Nazione di nascita
Italia
Provincia
Teramo
Età
33
Profilo

Luigi (Luis, Gigi) De Cicco è un polistrumentista italiano nato a Benevento. Nella sua formazione artistica si è da sempre occupato di musica e scrittura, cercando una propria ideale sintesi dei due ambiti. Fin da piccolo è infatti affascinato sia dall'una (grazie allo zio, chitarrista, e al nonno pianista) che dall'altra, la quale entra in casa sotto forma di racconti di spiriti e streghe della tradizione beneventana. Questo background lo accompagnerà nel suo percorso d'istruzione fino a trovare forma nella tesi di laurea sulla "Simbologia nei Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese", discussa alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Napoli nel 2011. La città diventa un moltiplicatore naturale di temi legati alla magia, alla tradizione, alla letteratura, e subito dopo il conseguimento della laurea inizia a sperimentare un proprio tipo di approccio artistico che le includa tutte. Inizia a frequentare diversi workshop di jazz e composizione. I suoi viaggi nella penisola lo portano a conoscere personaggi di rilievo come Jim Hall, Frank Vignola, Ralph Towner, Hamiet Bluiett; partecipa ai corsi intensivi del Berkley College a Perugia. Viene premiato con il primo posto al concorso per giovani chitarristi jazz Eddie Lang, tuttavia i suoi tentativi sono rivolti, più che al perfezionamento di un solo genere, allo sviluppo di una poetica personale che vada attraverso gli stili, collegandoli. Suona e arrangia le musiche per diversi gruppi della provincia (La bestia Carenne, Les deux noirs) e inizia a studiare diversi strumenti della tradizione indiana, turca, statunitense. In seguito a un viaggio a Berlino scopre un mondo di musicisti che lavorano a stretto contatto con poesia, fotografia, teatro-performance; è proprio in questo ambiente che incontra la regista e performer Daniela Marcozzi, con cui svolge diverse residenze artistiche tra Italia e Germania. Durante una di queste, negli spazi dell'ex fornace di S.Andrea di Conza insieme al fotografo Francesco Corbisiero dà vita a Watermouth, il suo primo disco solista che unisce idealmente rituale, musica e danza. Nel frattempo fonda il gruppo roots-blues Caboose con il quale intraprende un tour in Europa e USA; collabora in veste di chitarrista e arrangiatore per Erin K, Neuquén Groove; sempre continuando a comporre musiche per teatro, documentari, video-art. Queste rispondono ad una visione fluida e onirica dell'aspetto compositivo, a metà tra diari di viaggio e suggestioni sonore che attingono dalla world music così come dalla letteratura e dal teatro fisico. I suoi tour hanno fatto tappa in Germania, Francia, Inghilterra, Stati Uniti e i suoi lavori trasmessi dalle radio nazionali e internazionali (Battiti - Rai3. Radio Eins, Radio Città Futura). Parallelamente alla sua attività di musicista è tutt'oggi impegnato e dedito alla scrittura di poesia e narrativa, oltre a collaborare saltuariamente con la rivista d'arte Exibart.