Manuel De Marco

Arte Pubblica
Arti Visive
Video & Sound Art
Manuel
De Marco
Città
Milano
Nazione di nascita
Italia
Provincia
Milano
Età
32
Profilo

MANUEL DE MARCO

Nasce a Udine il 5 ottobre 1987. Consegue il diploma di Maturità in Arti della grafica pubblicitaria e fotografia presso l’Istituto Statale d’Arte “Giovanni Sello” di Udine.

Consegue il diploma accademico di I° Livello in Disegno Industriale presso l’I.S.I.A. (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Firenze.

Consegue la laurea magistrale in Disegno Industriale presso lo I.U.A.V. (Istituto universitario Architettura di Venezia).

Dal 2007 al 2014 è stato assistente di studio degli artisti Chris Gilmour e Riccardo De Marchi.

Dal 2007 ha esposto in diverse mostre personali e collettive in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Toscana, Turchia e Cina.

Le modalità con cui si esprime maggiormente sono la pittura e la videoperformance.

Vive e lavora a Milano.

- - -

ANTOLOGIA CRITICA

Manuel De Marco s’interroga sulla complessità degli oggetti sociali (presenze e assenze, uno sguardo, la mano distratta, il contatto durante un viaggio, …), oggetti non documentati e documentabili in file, ma vivi nei luoghi inesplorati della memoria personale o in video d’arte da incontrare poeticamente. L’artista ripensa a questi rapporti tra esperienza sensibile e schemi concettuali, e li ripercorre passo passo, come fa alla fine degli anni Novanta l’Estetica Razionale, che propone un’ontologia dell’esperienza sensibile. Il punto da cui l’artista parte è l’impronta, il segno di sé, il fondamento ontologico delle esperienze e delle proprie opere. Tutto intorno, nello spazio non occupato dai propri piedi come segno sensibile di sè, stanno gli “others”- gli altri, e l’alterità. L’altro, che non ha forma alcuna se non quella della parola che lo rappresenta, è ripetuto all’infinito, other occupa la superficie della realtà come texture calligrafica che non chiede lettura e interpretazione ma annuncia, semplicemente, la complessità inesprimibile della propria essenza. Manuel De Marco è artista concettuale in quanto sensibile alla relazione con un mondo inconoscibile, né bianco nè nero, comunque privo di colore naturale nella convinzione che certe intuizioni, senza concetto, sono invisibili. Con occhi ciechi, perche’ lontani dal pensiero, leggiamo le sue opere cercando delle risposte nelle dottrine icnologiche (letteralmente “dottrine delle tracce”) che sorridono al ritmo di una danza dai ritmi antichi, corporei, arcani. Priorità solo momentanee della ricerca poetica di Manuel De Marco. Alessandra Santin (Cfr. Maurizio Ferraris, Documentalità. Ontologia degli oggetti sociali.)