Virginia Ghiggia

Scrittura
Virginia
Ghiggia
Città
Torino
Nazione di nascita
Italia
Provincia
Torino
Età
25
Profilo

Mi chiamo Virginia Ghiggia.

Scrivo da quando ero bambina.

Alda si definirebbe una poeta, io non so ancora che cosa sono.

Credo che il potere più prezioso che la poesia possiede sia quello di permetterci di creare un legame con ciò che è trascendente. Cerco me stessa tra le ombre delle parole da quando ero adolescente. I miei anni trascendono e io rimango inquieta. Per questo inizio a raccogliere delle immagini e le intreccio in una collezione di sogni. Nasce una silloge intitolata Visioni Oniriche, perché alle volte ho talmente tante cose da dire che alla fine non dico niente. Mi sembra che il silenzio sia più efficace. Tanto lo è persino fra un verso e l'altro, amplifica il significato più profondo delle parole che vengono dette e scelte con cura. Per questo ho sempre pensato che parlare di sé fosse un piccolo atto di coraggio che racchiude anche un po' di amore. 

Spero che nei piccoli silenzi, più che nelle parole di queste mie poesie sottili, possiate conoscere qualche angolo nascosto della dimensione onirica che ho custodito. Ma spero anche che vi possiate riscoprire una parte del vostro mondo: grande o piccola che sia, più o meno intensamente reale, più o meno intensamente immaginaria. Che sia di terra, che sia di sogno.

Mi piace scegliere le parole con cura, credo che non smetterò mai di cercare.

 

CURRICULUM ARTISTICO

Nasco a Torino, il 18 marzo 1997, scrivo poesie e testi musicali.

Dopo essermi diplomata al Liceo Classico "Vittorio Alfieri" mi iscrivo alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Torino, dove sono attualmente laureanda con una tesi in Diritto Amministrativo, dei Beni culturali e dello Spettacolo, titolata "La patrimonializzazione della musica quale espressione della cultura immateriale".

Dal 2017 sono il più giovane membro della giuria del Concorso Nazionale di Poesia "Una poesia dal cassetto", patrocinata dal Liceo Artistico "Aldo Passoni" di Torino, il quale mi valse il Secondo Premio nel 2016.

Nel 2021 la Casa Editrice Aletti Editore pubblica la mia prima raccolta di poesie, Visioni Oniriche, la cui prefazione è stata scritta dal poeta e traduttore Hafez Haidar, candidato al Premio Nobel per la pace.

Nello stesso anno la mia silloge L'acquario dei pensieri inquieti (con estratti dalle mie Visioni Oniriche), comprensiva di 15 componimenti, viene selezionata per la collana "Poeti del Nuovo Millennio a confronto", e inserita nel volume "Scirone", presentato da Giuseppe Aletti e arricchito da tre diverse prefazioni, rispettivamente scritte da Alessandro Quasimodo, Francesco Gazzè e Alfredo Rapetti Mogol.

Compaio inoltre nell'"Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei 2021" (Aletti Editore), con sei dei miei componimenti.

In seguito alla Menzione Speciale ricevuta per il "Premio Letterario Internazionale Maria Cumani Quasimodo" intraprendo una collaborazione personale con il Maestro Alessandro Quasimodo, da cui prende vita, in "Alessandro Quasimodo legge i Poeti Italiani Contemporanei", il mio progetto comprensivo di sette videopoesie originali, da lui recitate: "Alessandro Quasimodo legge Virginia Ghiggia" (2021). 

Dal 2020 sono membro del collettivo artistico indipendente "Respira Torino", che si ripropone di sviluppare e riqualificare, mantenendo viva la creatività artistica, il quartiere Borgo Rossini di Torino.

Nel 2022 compaio nella vetrina del progetto patrocinato dal Comune di Torino "Torino Creativa", che offre uno spazio di visibilità e incontro per i giovani artisti emergenti torinesi.

 

Premi, Riconoscimenti e Menzioni

  • Menzione di Merito per il "Concorso di Poesie d'Amore Tra un fiore colto e l'altro donato" (2021)
  • Finalista "Premio Internazionale di Poesia Il Federiciano" (2021)
  • Menzione Speciale "Premio Letterario Internazionale Maria Cumani Quasimodo" (2020)
  • Finalista "XX Concorso Internazionale di Poesia Habere Artem" (2019)
  • Secondo Premio "Concorso Nazionale di Poesia Una poesia dal cassetto" (2016)

 

Contatti

email: virginiaghiggia@libero.it