Paolo Panizza

Altro
Arti Visive
Scrittura
Teatro
Paolo
Panizza
Città
Milano
Nazione di nascita
Italia
Provincia
Milano
Età
29
Profilo

Si è formato come attore presso la Stella Adler Studio of Acting di New York City e al Centro Teatro Attivo di Milano. Si è anche formato come physical performance maker nel programma CPPM (Contemporary Physical Performance Making) a Tallinn, dove ha avuto l'opportunità di studiare, attraverso un lavoro di compagnia, con vari artisti internazionali, tra cui: Kasper Vandenberghe (Troubleyn Jan Fabre, Belgio), Maria Dafneros (Troubleyn Jan Fabre, Belgio), Ryen Perkins-Gangnes (Gecko, Regno Unito), Eddie Martinez (Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, Germania), Will Bond (SITI Company, USA), Marilena Dara (Jasmin Vardimon Company, Regno Unito), Imanuel Schipper (Rimini Protokoll & William Forsythe, Germania), Tadashi Endo (Butoh-Ma, Germania), Sasha Pepelyayev (Kinetic Theatre Project, Russia), Ana Sanchez-Colberg (Theater EnCorps, Grecia), Giacomo Veronesi (Fuoco alla Paglia, Italia), Guillaume Pigé (Theater Re, Regno Unito), Stacy Makishi (Artsadmin, Regno Unito), Peader Kirk (Regno Unito), Simona Gonella (Italia), Agnieszka Mendel (Polonia), Janek Zórawski (Gardzienice, Polania) e molti altri . In teatro ha recitato in produzioni come: Terrore e miseria del terzo reich e La cucina di Wesker, al teatro Franco Parenti per la regia di Fabio Cherstich. Ha fatto parte della video installazione “Lettere d'amore ad Ana” di Ana Sanchez-Colberg inclusa nella mostra Coantivirus curata da NY20 + Nongyuan Culture a Chengdu, Sichuan, Cina. Al cinema ha recitato nel film diretto da Edoardo Leo “Cosa vuoi che sia”, una produzione Warner Bros. Ha lavorato come assistente alla regia di Lara Franceschetti, Fabio Cherstich, Mattia Giorgetti, Mariano Furlani e anche nell'opera per James Conway (English Touring Opera). Firma poi come regista di spettacoli come: “Wahrheit Macht Frei”, “Ajax:how to stage a suicide (?)”, “YourSpace” (24h performance) e “Pour Toi ”. Nel 2020 partecipa come performer a “Where do we go from here?” (Performance di 99h non stop) a Tallinn, regia di Peader Kirk e Simona Gonella. Nel 2021 è finalista (co-regia con Agnes Oberauer) per l’open call internazionale under40 per performance site-specific alla Biennale di Venezia College 2021. Nel 2021 è regista e Autore di “Sublimation”, installazione performativa nell’ex ufficio di Mussolini, Terrazza Duomo 21, Milano. A Marzo 2022, rimette in scena Pour Toi in stagione al Teatro Out Off di Milano con un cast internazionale e Agnes Oberauer come dramaturg. Nel Luglio 2022 è finalista alla Biennale di Venezia College per Registi under35 con Ratti – Talent Show per un’Apocalisse con finale aspettacolare.