EX STASIS - TISSOTROPICA

EX STASIS - TISSOTROPICA

installazione multimediale interattiva

realizzata site specific al Contemporary Art Festival Tina b - Praga

L’arte cambia il punto di vista, e questo lavoro lo conferma

esemplarmente alterando, anzi rovesciando, il più rispettato

tabù popolare. I miracoli sono fenomeni irripetibili e

inspiegabili, ma l’artista ne mette alla prova la riproducibilità

scientifica: una sostanza tissotropa, cioè capace di passare

dallo stato solido allo stato liquido se agitata (il ketchup,

nell’uso dell’artista) le permette di sottolineare la truccatura

spettacolare di morbosi eventi mediatici come la madonnina

piangente o il miracolo di San Gennaro. E’ un procedimento

di confine, al limite fra l’applicazione scientifica e il fenomeno

magico, che rivela così il potere dell’arte di accoppiare

mondi paralleli.

Nel progetto, la luce si oppone alla visione, che è invece

attivata dall’oscurità. L’immagine appare e scompare, al

passaggio dello spettatore davanti a una cellula fotoelettrica.

La luce, quindi, non svela, non permette di vedere, piuttosto

acceca. Il pubblico è così guidato verso il dilemma che

conta: o perdersi nell’abbagliante dogmatismo di tutte le

fedi (scientifiche, religiose o politiche che siano), o attendere

nell’oscurità di percepire le dimensioni più profonde del

reale.

 

                                                       testo di Rosa Anna Musumeci