Input body

Il lavoro viene eseguito in live, l’immagine della danzatrice viene catturata dalla videocamera per essere processata attraverso il software del computer che aggiunge deformazioni al corpo in relazione alla coreografia, quindi ai movimenti che vengono eseguiti dal performer.

Il corpo perde la sua identità lungo la transizione del tempo, incide dei segni, immagini, capibili solo da un altro simile, un altro corpo. Questa perdita mostra in realtà la necessità di smarrirsi, lasciarsi riconoscere attraverso il movimento, per essere altrettanto riconosciuto. Questi motivi sono la ragione di una dialettica corpo/soggettività, che trova sfogo nella costruzione di figure effimere che si formano con il solo tocco dell’apparire.